Cultura

Calabria Terra Mia, Muccino ci riprova: nuove scene a Palmi e Serra San Bruno

Il cortometraggio sarà… allungato con nuove scene girate alla Tonnara della città della Costa Viola e alla Certosa.

Ricotrdate il “corto” girato dal regista Gabriele Muccino lo scorso anno per promuovere la Calabria, fitto di luoghi comuni e che destò tante polemiche? Ebbene, dimenticatelo, o meglio dimenticatelo corto com’era, perchè Spirlì ha chiesto al regista romano di allungarlo con nuove scene e nuove immagini.

«Stiamo arricchendo la prima versione del corto con immagini aggiuntive che presenteranno ancora meglio una Calabria che ha voglia di farsi conoscere e di farsi visitare da tutti i popoli del mondo», così il presidente della Regione ha parlato nel pomeriggio di ieri, visitanto il set del cortometraggio “Calabria terra mia”, del regista Gabriele Muccino, allestito nella zona Ulivarella della Tonnara di Palmi.

La casa di produzione cinematografica Viola film, su richiesta della Regione, apporterà modifiche al cortometraggio presentato lo scorso ottobre alla Festa del Cinema di Roma. «Ringrazio Alessandro Trapani, Alessandro Passadore e tutti i soci di Viola film per aver accolto la nostra richiesta. Allo stesso tempo – ha spiegtoa Spirlì –, ringrazio Muccino per aver avuto il garbo di continuare quest’opera per portarla finalmente a termine». «In questi giorni – continua il presidente –, la troupe è stata anche nella Certosa di Serra San Bruno, nella Villa romana di Casignana e a Mammola, nel Musaba del grande Nik Spatari e della splendida e incandescente Hiske Maas». «Queste nuove riprese sono molto importanti. Avevamo la necessità – conclude il presidente – di aggiungere alcune “spezie” in una pietanza che era stata già confezionata. La nostra terra svela sempre un’anima nascosta e sotterranea in un secondo momento».

Il presidente Spirlì sul set