Calcio

Serie C. Condò: “Vedo l’Avellino favorito per la B. La Vibonese che verrà? Prima l’allenatore”

Il direttore sportivo rossoblu ai microfoni di Radio Onda Verde ha parlato dei play off in corso e del prossimo mercato della sua squadra.

Ormai è certo, toccherà a Luigi Condò per la seconda stagione consecutiva costruire la Vibonese che parteciperà al campionato di Serie C. Più della conferma ufficiale, che ancora non è arrivata, parla il rapporto sempre più stretto tra il dirigente di Taurianova e il presidente Pippo Caffo. Sabato erano entrambi in tribuna al Luigi Razza fianco a fianco per seguire la gara della Primavera3 che ha battuto il Bisceglie per 3-0.

Insomma, si riparte da Condò che adesso deve per prima cosa sondare i giocatori in scadenza di contratto il prossimo 30 giugno ed anche l’allenatore Giorgio Roselli. Se sarà ancora il tecnico di Montone a guidare la squadra rossoblu lo sapremo tra una settimana, anche se secondo rumors di mercato, la società sta sondando altri profili.

Intervistato da Radio Onda Verde, Condò ha voluto evidenziare come al momento in via Piazza d’Armi si sia concentrati sul mettere a posto le carte per l’iscrizione della squadra al campionato, i cui termini scadono il 26 giugno. “Stiamo predisponendo tutte le carte per essere pronti prima della scadenza – ha detto – si tratta di una complessa attività burocratica che stiamo completando e dobbiamo dire che abbiamo tutto in regola per procedere alla iscrizione in Serie C. Le altre squadre? Non lo so, per quel che si dice ci saranno alcuni club in difficoltà, lo erano l’anno scorso, figurarsi dopo una annata difficile come quella appena coclusa”.

Per quanto riguarda il capitolo allenatore, Condò non lascia trasparire nulla. “Dobbiamo prima sentire Roselli e vedere se è possibile un rinnovo, poi penseremo al resto”, ha detto ancora ai microfoni dell’emittente vibonese.

Quanto ai play off in corso, interpellato il direttore sportivo rossoblu ha detto la sua. “Penso che l’Avellino che è una delle superstiti del nostro girone in queste semifinali, possa farcela a centrare la finale L’augurio è che possa centrare l’obiettivo e fare il salto in Serie B. Già a pensare come potrebbe essere il nostro girone l’anno prossimo vengono i brividi: sono rimasti Bari, Palermo, Catanzaro, Catania, Foggia, a loro si è aggiunto il Cosenza e dalla D potrebbero arrivare Taranto e Messina, sarà una vera seconda serie B”.