Serie C

Vibonese, non si cambia: D’Agostino resta al suo posto. il ds Condò a caccia di rinforzi

Nonstante i dieci punti in sedici giornate e la pesante sconfitta di Foggia, il tecnico palermitano (per ora) resta sulla panchina rossoblu.

Niente cambio di panchina alla Vibonese. Nonostante la squadra sia ultima in classifica e reduce dalla brutta sconfitta di Foggia, la società ha deciso di confermare il tecnico palerrmitano alla guida della squadra. Una decisione in controtendenza rispetto a quanto avvenuto a Catanzaro, dove nonostante la squadra sia nelle zone alte della classifica, Calabro è stato esonerato, ma che fa il paio con la scelta del Messina di non esonerare Capuano.

Per quanto riguarda la Vibonese la scelta di mantenere D’Agostino non è a termine e non è legata al risultato della prossima partita con il Campobasso al Luigi Razza, in programma domenica, ma è a lungo termine. Nel senso che il presidente Pipo Caffo ha raccolto lo sfogo del tecnico nel dopo Foggia (“Servono tre-quattro giocatori esperti”) e avrebbe dato mandato al direttore Luigi Condò di accelerare sia sul mercato degli svincolati che in vista della finestra ufficiale di mercato di gennaio. D’Agostino, però, deve raccogliere più punti possibili da qui alla fine del girone di andata con Campobasso e Avellino in casa e a Catanzaro nel derby.

Servono almeno cinque punti. Impresa difficile, ma non impossibile se si riparte dalla squadra vista all’opera nel secondo tempo a Foggia e per tutta la gara a Bari contro la capolista: combattiva e determinata, sempre sul pezzo e anche sfortunata. Molto complicata, invece, se la Vibonese sarà quella distratta e mediocre del secondo tempo con il Monterosi e del primo con il Foggia.

Insomma, D’Agostino avrà il suo bel da fare. Campobasso non sarà un’esame per lui,. ma per tanti giocatori sì.